• Ultimi post

  • Categorie

  • HMM in libreria

  • Post mese per mese

  • Le avventure di Piccolo Furfante

  • Dicono di me…

  • Un’idea dal passato

    Le Navi: libro-gioco fai da te

Imparare i colori con il gioco del bucato

Al gioco del bucato  io e Piccolo Furfante giocavamo molto quando era piccolo e non conosceva ancora i colori. Lo abbiamo rispolverato qualche giorno fa durante la nostra settimana di clausura forzata, chiusi in casa  a causa della febbre.

A Piccolo Furfante è sempre piaciuto aiutarmi con il bucato: scaricare la lavatrice, caricare l’asciugatrice, stendere e ritirare i vestiti dallo stendipanni.  Dato che era un valido aiutante, all’epoca avevo sfruttato questa sua passione per insegnargli i colori. Un giorno di tanto tempo fa, infatti, ho creato al computer tanti vestiti di carta in 4 colori (calzoni, gonne, calzini, maglioni…) li ho stampati, ritagliati e plastificati, creando un guardaroba rifornito :-)

Appendendo dei fili di rafia tra le maniglie dei cassetti di mobile, servendomi di mollette colorate ed utilizzando i vestiti di carta, avevo  inventato il gioco del bucato. Le regole sono semplicissime: in un contenitore sono raccolti tutti i vestiti e in un altro tutte le mollette. I vestiti devono essere appesi ai fili da stendere, utilizzando esclusivamente le mollette dell’identico colore del vestito.

Essendo però cresciuto, adesso a PF il gioco base non piace più  tanto. Così  abbiamo inventato delle piccole varianti:

  • Il memory: bisogna appendere i vestiti dal lato bianco, sbagliando intenzionalmente gli abbinamenti colore/vestito – colore/molletta. Si devono, quindi, cercare gli abbinamenti corretti, usando le stesse regole di un classico memory
  • La gara di velocità: si dividono tra i giocatori i vestiti a seconda del colore (giocatore con i vestiti blu, quello con i vestiti gialli…), mentre le mollette vengono poste tutte insieme in una ciotola di piccole dimensioni. Ogni giocatore ha uno stendino diverso.Al via i giocatori devono appendere il più velocemente possibile i loro vestiti cercando la  molletta del medesimo colore del vestito. Vince chi finisce di appendere il proprio bucato più in fretta. PF è velocissimo :-)
  • Il bucato ad ostacoli: Da una parte della stanza ci sono, in un contenitore, i vestiti colorati ed i fili da stendere, uno per ogni giocatore. Dal lato opposto della stanza si trova il contenitore delle mollette. In mezzo, tra i vestiti e le mollette, un percorso ad ostacoli fatto di libri, cuscini e peluche. Al via i giocatori prendono un vestito dal contenitore e seguendo il percorso obbligato devono andare a cercare la moletta del medesimo colore, per poi ritornare a stendere il loro vestito rifacendo tutto percorso.  Una volta appeso il vestito, se ne può prendere un altro e cercare la relativa molletta. Così via fino ad esaurire il bucato. Vince chi ha appeso più vestiti. Ad essere sincera questo non è un gioco adatto a chi ha 38 e mezzo di febbre, ma ormai glielo avevo proposto e così ci abbiamo dovuto giocare. Ho rimandato però la rivincita alla fine della malattia :-)
  • Pesca bucato: in un saccetto si mettono 4 mollette colorate (una per ogni colore), mentre si spargono i vestiti per terra. Si estrae quindi una molletta e i giocatori devono recuperare quanti più vestiti possibili dello stesso colore uscito in sorte. Si ripete fino ad esaurimento dei colori. Vince chi, alla fine, ha recuperato più vestiti.

Ecco i vestiti multicolori che abbiamo usato noi!

AGGIORNAMENTO:

Qualche giorno fa, Mujahida mi ha chiesto se potevo creare le medesime schede ma in bianco e nero. Un’ottima idea per coinvolgere ancora di più i bambini nel gioco :-)

E così ecco i modelli in bianco e nero.

Grazie Mujahida per il suggerimento!! :-)

Qui altre idee dalla rete:

  • Mind Games ( per creare e vestire bamboline di carta di se stessi!!)
  • CraftGossip.com (con un divertente gioco per vestire un simpatico spaventapasseri di feltro)
  • HelloKids (con tanti modelli di bamboline di carta da colorare e vestire)
  • TheWonderYears (con un divertente gioco di abbinamenti per imparare i colori)

LEGGI ANCHE…

Il libro-gioco di San Valentino: giocare con i cuori

San Valentino è ormai vicino e avevo preparato un po’ di schede da fare insieme a PF, tutti  a soggetto “cuori”. Avevo pensato di proporgliele settimana prossima, ma da qualche giorno il mio cucciolo è a casa con la febbre e avevamo bisogno, per occupare il tempo, di attività nuove, semplici e tranquille.

Ho quindi preso tutte le mie schede, che avevo già stampato ma non ritagliato, è gli ho costruito in quattro e quattr’otto un librettino gioco.

Ho preso una cartelletta di cartone gialla e ho incollato le mie 3 schede-base, poi mi sono messa a ritagliare le parti piccole, incollandole su dei cartoncini. Non ho avuto però il tempo di plastificarle: PF era troppo eccitato all’idea di giocare che non ho avuto modo di ricoprirle! Sul foglio interno della cartelletta ho incollato 3 buste (una per ogni gioco) e ho inserito dentro i cuori ritagliati.

Tre sono le attività che ho pensato tutte legate ad abbianamenti (bisogna cioè abbinare alle immagini delle schede-base i relativi cuoricini):

  • Grandezze. Bisogna far combiaciare i cuori ritagliati, con quelli sulla scheda base. Ogni cuore è diverso per grandezza, ma non per colore
  • Colori. Anche qui ci sono cuori da abbianare alla scheda base, ma questa volta sono uguali in grandezza, ma diversi in colore
  • Numeri. Questa è l’attività che è piaciuta di più a Piccolo Furfante :-)  Bisogna abbinare i cuori in base al numero riportato su ognuno.Ogni cuore è di diverso colore (uno per numero) e sul retro vi sono tanti puntini quant’è il numero indicato sul cuore stesso. In questo modo  PF ha avuto modo di riconoscere i numeri,  di contare, di abbinare il corretto numero al cuore e di giocare con i  colori .

Ecco le 3 schede che ho usato:

Altre idee cuoriciose:

  • Chasing Cheerios (con una divertente attività per imparare a contare)
  • Make and Take (con una simpatica idea per fare un po’ di ginnastica)
  • Familyfun.go.com (con un divertente memory dai cuori spezzati)
  • AlphaMom (con tutte le istruzioni, anche fotografiche, per creare un tris)
  • Blissfully Domestic (con un gioco per imparare i numeri, i colori e l’uso delle tabelle)

LEGGI ANCHE…

Un libretto fai da te per l’estate: nel mondo di Pesciolino e Stellina

StarStavo cercando dei semplici libretti-gioco per Piccolo Furfante da proporre nei momenti di relax dalle attività all’aperto, ma tutti quelli che ho trovato o sono adatti a bimbi più grandi o contengono solo semplici disegni da colorare.
Ho deciso allora di creare un libretto io stessa, sul tema del mare. E’ nato così “Nel fantastico mondo di Pesciolino e Stellina”.

Il procedimento per costruire il quaderno è identico a quello che ho già usato per gli altri libretti didattici (l’Arca di Noè, i Dinosauri, Easter Bunny): ho preso, cioè,  metà di una cartelletta di cartone e ho incollato sulle varie pagine e linguette le le schede gioco/didattiche che ho preparato.

In questo libro Piccolo Furfante troverà:

  • Tanti pesci da colorare
  • Alcune semplici schede di pregrafismo in cui  aiutare Stellina a raggiungere i suoi amici
  • Un memory di pesci e stelline
  • Una scheda pieghevole, in cui Stellina insegna i numeri
  • Tanti piccoli adesivi da attaccare per abbellire il libro e perconoscere gli amici acquatici di Pesciolino e Stellina
  • Una scheda per giocare con i colori e la scrittura
  • Una sorpresa “sottomarina”: chi sarà venuto a trovare Stellina e Pesciolino in fondo al mare?

Star2 star3 Star7 Star5 Star 8 star4

Ecco tutte le schede che ho creato, in cui si trovano anche le istruzioni per costruire il libro.

LEGGI ANCHE…

Il dado dei colori

dado-dei-coloriEcco un’altro gioco per stimolare, in maniera divertente, l’apprendimento dei colori.

E’ un gioco di velocità ed abilità, per cui è necessario che il bambino sappia riconoscere già in modo sicuro i diversi colori. A Piccolo Furfante piace molto e lo propone spesso. E’ un gioco da fare in due o più persone. Più si è e più è divertente.

Cosa è necessario:

- un dado con rappresentato un colore per faccia

- delle immagini o degli oggetti tutti uguali tranne che per il colore (va da sè che i colori degli oggetti devono essere uguali a quelli sul dado). Noi abbiamo usato delle pedine di un vecchio gioco dell’oca.

Le regole sono semplici:

Ponendo sul tavolo gli oggetti o le immagini, a turno ogni giocatore deve tirare il dado e vince il turno chi recupera per primo l’immagine  del colore corrispondente a quello uscito. Nella nostra versione (facilitata) c’è solo un oggetto per colore, ma è possibile ampliare la scelta e rendere il gioco più avvincente.

L’unica difficoltà, nel nostro caso, è legata al turno: sottrarre, infatti, il dado a Piccolo Furfante è complicatissimo. Esige, pretende ed ottiene di essere sempre lui il giocatore incaricato a tirarlo. Poco male…

Ecco il modello per costruire il dado e delle immagini da poter utilizzare come carte da gioco. Per rendere più solido il dato è sufficiente incollare lo schema su di un cartoncino.

LEGGI ANCHE…

Libri sui colori

quanti-colori

In questi giorni, io e Piccolo Furfante  stiamo leggendo alcuni libri sui colori.

Due sono i suoi preferiti:

What color is your underwear? (Sam Lloyd) Un libro davvero spassosissimo, in cui si imparano  i colori con l’aiuto di alcuni animali (Harry Horse, Tommy Turtle, Mrs Moo…) e delle loro mutandine: sollevando i loro vestiti (realizzati con alette po-up), infatti, si scoprono indumenti simpatici e coloratissimi. Alla fine, poi, una simpatica sopresa:  il povero John Elephant ha dimenticato di indossare le sue mutandine, suscitando l’ilarità degli abitanti della foresta (e di Piccolo Furfante).

Quanti colori! (Michelini, Di Chiara, Mantegazza) Un testo con tantissime attività da fare, tutte incentrate sui colori: scoprire l’arcobaleno, vestire bambini con abiti coloratissimi a casa di Marco, aiutare uno strano carrozziere a costruire auto e non manca nemmeno un gioco di magia…

LEGGI ANCHE…

Il gioco dei colori

colors1Ecco un simpatico gioco per imparare i colori divertendosi: basta, infatti, abbinare le carte alle relative schede colore ed il gioco è fatto. Giocare in due o più persone risulta più divertente o anche giocare a tempo, con l’aiuto di un semplice timer da cucina.

Una volta create al computer le schede e le carte, è stato sufficiente stamparle, ritagliarle e plastificarle.

Per chi volesse ricreare questo gioco a casa, ecco il file con le immagini che ho utilizzato.

Buon divertimento!

LEGGI ANCHE…

Giocare con i colori

Essere in vacanza costretti in casa per la pioggia ci ha reso abbastanza malinconici e PF particolarmente agitato. Cosi’ ho dovuto usare un po’ di inventiva per  riutilizzare in modo creativo i pochi giochi a disposizione.

Ecco tre semplici attivita’ da poter fare con i pezzi del Lego per giocare, divertendosi, con i colori.

Materiali:

-mattoncini Lego

-formine colorate da spiaggia

-paletta e secchiello

- timer cucina

1) Usando come recipienti alcune formine colorate della spiaggia abbiamo giocato a riconoscere e categorizzare i colori: ad ogni formina dovevano corrispondere i mattoncini dello stesso colore.  Per render il gioco piu’ divertente abbiamo giocato insieme a chi riconosceva piu’ colori e abbiamo poi usato un timer (da cucina) per vedere chi  era il piu’ veloce

2)Abbiamo distribuito sul tavolo da gioco tutti i mattoncini di piccole dimensioni. Io nominavo un colore e PF doveva infilarsi sulle punte delle dita tutti i mattoncini corrispondenti al colore nominato. Il divertente era non solo riuscire a riconoscere i pezzi, ma soprattutto farli rimanere in equilibrio mentre si cercava di infilare i successivi.

3)Abbiamo distribuito sul tavolo tutti i mattoncini a disposizione (piccoli e grandi). Io nominavo un colore e PF raccoglieva con la paletta da spiaggia i mattonici del colore corrispondente mettendoli dentro il secchiello. Munita poi anch’io di un cucchiaio (non avevo altre palette a disposizione, ARGH!) mi sono unita al gioco e con il contributo del solito timer da cucina ho scatenato l’ilarita’ di PF.

LEGGI ANCHE…

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.